Feeds:
Posts
Comments

Archive for the ‘Veg’ Category

Crostatine crema chantilly e more


Sto ormai aggiornando il mio blog con cadenza semestrale… vorrei avere più tempo per scrivere, ma, almeno riesco ancora a trovare il tempo di cucinare!
Ingredienti:
250 gr farina,
120 gr di burro,
40 gr di zucchero a velo,
due tuorli,
una tazza di latte,
70 gr di zucchero,
50 ml di panna da montare,
more,
vaniglia (vera)

Procedimento:
Impastare rapidamente la farina con il burro morbido e lo zucchero a velo e lasciare in frigo un’ ora.
Preparare una crema inglese con i due tuorli, il latte, la vaniglia e lo zucchero: sbattere i tuorli con lo zucchero, aggiungere il latte tiepido e mettere sul fuoco, alla minima temperatura possibile, rimestando fino a che la crema non si addensi. Aggiungere la panna montata alla crema, una volta che sia fredda.
Cuocere i gusci delle crostatine vuoti, per circa 10-15 minuti a 180 gradi e lasciarli raffreddare.
Rimepire con la crema, coprire con le more.
Preparare un thè, sedersi in terrazza e godersi la pausa.

Advertisements

Read Full Post »

Questo è il secondo prodotto nato dalla stendipasta esumata dalla cantina, un sapore estivo per l’ultimo pranzo in terrazza, anche se il sole, ormai debole, ci ha costretti ad un maglione di lana.
Ingredienti:
100 gr di semola di grano duro
100 gr di farina
1 uovo
1 cucchiaio di olio d’oliva
scorza di limone
1 peperone a tocchetti congelato d’estate
una cipolla fresca
100 gr di feta
Procedimento:
Impastate rapidamente le farine con l’uovo e l’olio, stendere e tagliare le tagliatelle; saltare rapidamente a fiamma alta la cipolla e il peperone in olio extravergine.
Condire le tagliatelle con la verdura e guarnire con la feta.

Here you have my second recipe with my stendipasta; This dish reminds me the summer and is perfect for our last lunch on the garden. Actually, despite the sun, I put a very warm sweater on!
ingredients:
100 gr of semola di grano duro
100 grams of flour
1 egg
1 spoon of olive oil
lemon zest
1 pepper
a fresh onion
100 grams of feta

Read Full Post »

Peperoni ripieni vegetariani

Credo che questi siano gli ultimi peperoni, almeno a giudicare dal clima di questi giorni svizzeri.

Questa ricetta esiste in due versioni, una è rapida, l’altra invece prevede un maggiore dispendio di tempo. Per la versione rapida si utilizzano i peperoni crudi, nell’altra  si arrostiscono e sbucciano prima di riepirli, facendo attenzione a non romperli. Questa seconda operazione può risultare fastidiosa, ma il risultato è migliore ed il piatto più digeribile.

Ingredienti:

4 peperoni, 200 gr di ricotta, 2 uova, una zucchina grande o 2 piccole e una cipolla.

Procedimento:

Arrostire e sbucciare i peperoni interi, cercando di mantenerli integri.Per la  versione rapida lavarli ed eliminare la parte superiore. Io questa volta mi sono accontentata di usare i peperoni crudi.

Saltare le zucchine e la cipolla per 10 minuti e mescolate con la ricotta, le uova e sale e pepe.

Imbottire i peperoni ( se si fossero rotti, ricavare delle porzioni grandi in cui arrotolare il ripieno).

Informare per circa 30 minuti a 180gr.

Lasciar intiepidire prima di mangiare.

Read Full Post »

Insieme al letto per la casa nuova abbiamo trasportato 500 gr  di profumatissimo basilico. Dopo mezz’ora di viaggio la macchina era completamente inondata dall’aroma delle foglie. Con il basilico, oltre a congelarlo e a metterlo sotto’olio, ho preparato del pesto per i prossimi mesi. Alcuni barattoli rimarranno in frigorifero, dove possono resistere un mese e mezzo, purchè coperti d’olio, altri troveranno posto nel congelatore.

Questo è un pesto impastato con i frullatore, per risparmiare tempo, ma, per non far annerire le foglie, le lame sono state raffreddate e gli ingredienti sono stati tritati alla massima velocità per il minor tempo possibile. Credo che per un buon pesto sia necessario comportarsi da intolleranti sulla scelta degli ingredienti, utilizzando solo materie prime di buona qualità.

Ingredienti: 200 gr di basilico ( verde e profumato), 1 spicchio d’aglio piccolo, 100 gr di parmigiano di buona stagionatura, 100 gr di pinoli, olio extravergine, sale.

Procedimento: lavare e asciugare perfettamente il basilico; usare solo le foglie. Raffreddare le lame del frullatore nel congelatore. Disporre il basilico sotto a tutti gli altri ingredienti e frullare alla massima potenza per il minor tempo possibile. Trasferire il pesto in un barattolo, coprire d’olio e riporre in frigorifero.

Read Full Post »

Zuppa ceci e spinaci.

Ieri siamo stati visitati da un’abbondante pioggia che ha notevolmente abbassato le temperature, così, a pranzo ho pensato di prepararmi qualcosa di caldo per scongiurare il raffreddore in arrivo. Ho rivisitato un piatto che a volte mangiavo in Spagna, garbanzos y espinacas.

Quando si può risparmiare tempo meglio raccontarlo… ho usato la pentola a pressione e ho ridotto i tempi di preparazione a 20 minuti.

Ingredienti: 1 bicchiere di passato di pomodoro, 2 spicchi d’aglio, 2 bicchieri di ceci già cotti, 2 bicchieri di spinaci surgelati ( è una zuppa fatta di fretta, non un presidio slowfood. Comunque i miei spinaci surgelati erano bio, abbastanza buoni), 4 patate piccole.

Procedimento:

Imbiondire l’aglio in una casseruola con un fondo d’olio e eliminare l’aglio. Aggiungere il pomodoro. Frullare i 3/4 dei ceci e aggiungerli al pomodoro. Aggiungere i rimanenti ceci e gli spinaci. Tagliare le patate a tocchetti piccoli e immergere nel misto di ceci e spinaci quando sta già bollendo. Se risultasse denso, aggiungere acqua. Chiudere la ponetola a pressione, se volete e lasciar bollire 15 minuti. Se volete usare una pentola normale lasciate bollire 30 minuti.

Read Full Post »

Qui c’è troppo caldo per pensare di friggere le melanzane e poi l’estate spinge a mangiare cose più sane.

Questa parmigiana bianca è stata mangiata fredda durante Germania-Spagna; per noi che tifavamo la Roja, è stata di buon augurio!

Ingredienti:

2 melanzane medie, un mazzetto di basilico, 2 mozzarelle, olio, origano, sale e pepe.

Ricetta:

Grigliare le melanzane (se non siete così fortunati da avere un barbecue, abbandonatele su una padella antiaderente a media temperatura e giratele ogni 5 minuti. Nel frattempo, occupatevi di cose più divertenti).

Ungere leggermente una pirofila e alternare strati di melanzane e mozzarella. Io su ogni strato di melanzane ho messo qualche foglia di basilico, origano, poco pepe e sale. L’ultimo strato dev’essere di mozzarella. Completare con un paio di cucchiai di olio buono. Infornare a 180 gradi per 30/40 minuti, nel piano basso del forno. Nel frattempo, allontanatevi dal forno per non soffrire il caldo.

Servire freddo, almeno fino a ottobre!

Read Full Post »

Il fagioli del Purgatorio sono orginari dell’Umbria, sono piccoli e chiari, buonissimi, con poca buccia e fermentano pochissimo.

Provengono rigorosamente da filiere certificate; traggono il loro nome dalla consuetudine di consumarli durante il pranzo delle Ceneri.

Sono entrati nel mio cestino delle spesa a Firenze qualche settimana fa, ovviamente non li ho trovati a Zurigo.

Qui li potete vedere subito dopo la bollitura:

Ingredienti: 150 grammi di fagioli secchi, 120 grammi di riso, 2 carote, una cipolla, un sedano, 5 pomodori pelati e un mazzetto di basilico.

Ricetta: 10 or prima della preparazione, mettere a mollo i fagioli, sciacquarli e bollirli fino a che risultino teneri. Tagliare le verdure, non troppo sottili ( non è un battuto) e stufarle con poco olio a fiamma bassa. Quando saranno morbide aggiungere i pomodori pelati a tocchetti, seguiti, 5 minuti dopo dal riso. Lasciar tostare un paio di minuti e aggiungere 2 bicchieri di acqua bollente. Dopo 10 minuti aggiungere i fagioli e abbassare la fiamma. La zuppa deve sobbollire dolcemente per altri 10 minuti. Spegnere la fiamma e aggiungere le foglie di basilico e un filo d’olio crudo.  La zuppa dovrebbe riposare qualche minuto prima di essere servita.

Read Full Post »